Allarme per gli adulti che mangiano cibi spazzatura

Quanto è importante seguire delle corrette abitudini alimentari sin da piccoli? Quanto può risultare necessario osservare una dieta sana in età adulta ma anche, allo stesso tempo, iniziare a prevenirsi sin da giovani? Quello che rappresenta il nostro comportamento a tavola oggi è quello che andrà a determinare il nostro stato di salute domani.

Ricerche recenti hanno dimostrato come un vero e proprio allarme per la salute del nostro cuore arriva dal consumo, sin da giovani, di cibi grassi o, appunto, dei cosiddetti cibi spazzatura. Uno studio del Duke Clinical Research Institute pubblicato sulla rivista Circulation identifica un limite temporale entro il quale potersi ancora concedere degli eccessi alimentari: la soglia dei 35 anni. A partire da quell’età in poi è evidenziabile una vera e propria allerta del colesterolo LDL (o colesterolo cattivo) in grado di ostruire e sviluppare seri danni nelle arterie favorendo conseguenti problemi cardiaci per circa il 40% degli individui. Il consiglio dei ricercatori, quindi, è quello di limitare il consumo dei cibi grassi soprattutto nella fascia d’età 35-55 a rischio di ictus, infarti o trombosi, anche se, in ottica di prevenzione, risulterebbe molto più sano per la nostra salute cercare di evitare il cibo spazzatura sin dall’infanzia.

  • Ricerca di: Duke Clinical Research Institute
  • Pubblicata su: Circulation
  • Conclusione: I cibi grassi favoriscono l’aumento del colesterolo anche nei più giovani

Post Correlati

Articolo pubblicato il 4 giugno 2015 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.