Come di combatto la pressione alta con il Grana Padano…

Il formaggio Grana Padano sulla tavola come un’arma di salute per combattere la pressione alta: è questa la conclusione di uno studio scientifico tutto italiano realizzato a Piacenza dall’Unità operativa di ipertensione dell’ospedale Guglielmo da Saliceto.

Lo studio ha sperimentato la cura di 30 grammi al giorno di Grana Padano Dop stagionato coinvolgendo un totale di 30 pazienti ipertesi, maschi e femmine, nella fascia d’età 45-65 anni.

I risultati della ricerca hanno dimostrato che nel tempo di 2 mesi di sperimentazione un’alimentazione che prevede una minima quantità di formaggio Grana stagionato riesce a determinare un calo della pressione arteriosa sia per la massima che per la minima (il calo è misurabile in 7-8 millimetri di mercurio per la pressione sistolica e 5-7 per quella diastolica). Come confermano i ricercatori: “Al momento dell’inizio della ricerca in tutti i pazienti la pressione era maggiore di 140 mmHg per la sistolica e/o maggiore di 90 mmHg per la diastolica. Dopo 2 mesi di trattamento con Grana Padano i livelli pressori si sono ridotti in modo significativo (-6 mmHg per la sistolica e -5 mmHg per la pressione diastolica), e nella maggior parte dei pazienti la pressione si è normalizzata”.

Leggi la ricerca  Gli spinaci e la (non) leggenda di Braccio di Ferro

I benefici della cura, secondo gli esperti, possono essere paragonati a quelli che si possono prevedere con l’utilizzo di un trattamento farmacologico e, pertanto, l’introduzione nella dieta alimentare di uno dei formaggi più noti della cucina italiana può risultare una scelta di salute efficace per il controllo della propria pressione arteriosa.

A chi domanda il perchè della scelta di un formaggio con stagionatura di 12 mesi bisogna spiegare che il tempo di “riposo” previsto dalla sperimentazione realizzata dai ricercatori è quello necessario a rendere l’alimento particolarmente ricco di tripeptidi, ovvero di frammenti proteici che inibiscono l’enzima che fa aumentare la pressione arteriosa e che agiscono proprio come Ace-inibitori, una nota famiglia di medicinali antipertensivi.