Il peperoncino ti allunga la vita!

Sono davvero tante le proprietà benefiche che si nascondono dietro il consumo del peperoncino piccante e molte di queste le abbiamo già condivise con voi pubblicando numerosi lavori di ricerca.

Oggi, seguendo uno studio scientifico condotto presso l’University of Vermont College of Medicine di Burlington, possiamo aggiungere alla già lunga lista di benefici del peperoncino rosso, anche quello della riduzione della mortalità.

Il peperoncino è in grado di allungare la nostra vita e la conferma arriva dai dati raccolti dagli scienziati con una ricerca sull’alimentazione condotta sui cittadini americani: la mortalità tra i consumatori di peperoncino è inferiore rispetto ai non consumatori (21,6% contro 33,6%).

Il dato conferma le conclusioni di un ulteriore ricerca scientifica già realizzata secondo la quale il consumatore abituale di peperoncino, ovvero chi lo consuma una o due volte alla settimana, riduce il rischio di morte del 10%; rischio di morte che si riduce ulteriormente (fino al 14%) per chi consuma il peperoncino da tre alle sette volte in una settimana.

Un elisir di giovinezza, quindi, il cui merito è da attribuire alla capsaicina, il composto che dona il gusto del piccante al peperoncino ma che ha anche la capacità di accelerare il metabolismo e regolare il flusso sanguigno prevenendo il rischio di ictus e cardiopatie. Come ci spiegano i ricercatori: <<la relazione osservata potrebbe essere dovuta all’azione dei canali Transient receptor potential (Trp), che rappresentano i recettori primari delle sostanze piccanti, come la capsaicina (la componente principale del peperoncino)>>.