L’obesità aumenta il rischio di calcoli biliari, ma anche la dieta

Avere dei chili di troppo aumenta il rischio di calcoli biliari. Una delle principali cause per cui si formano i calcoli biliari è legata al fatto che il fegato produce un quantitativo eccessivo di colesterolo, maggiore di quello che gli acidi biliari siano in grado di gestire: la parte in eccesso forma dei cristalli che costituiscono il primo nucleo della formazione dei calcoli. E il rischio sarebbe maggiore nelle donne secondo uno studio dell’Università di Rigshospitalet in Danimarca e pubblicato sulla rivista Hepatology. I ricercatori danesi hanno analizzato, infatti, più di 70mila individui per 13 anni individuando come soggetti a maggior rischio le donne obese.

Ma non è solo l’obesità a determinare l‘insorgenza di calcoli, anche un dimagrimento eccessivamente veloce può essere una causa determinante. La ricerca del Karolinska Institut di Stoccolma, invece, pubblicata sulla rivista International Journal of Obesity dimostra come le persone che cercano di dimagrire tanto e subito sono comunque a rischio calcoli e lo sono molto più di altre. La ricerca ha preso in considerazione l’osservazione di 6640 persone messe a dieta, metà delle quali ad un regime alimentare a riduzione drastica, e l’altra metà con un’alimentazione comunque ridotta ma piuttosto equilibrata. Alla fine dello studio, i ricercatori svedesi hanno verificato come nel primo gruppo l’insorgenza di calcoli biliari sia stata molto più elevata che nel secondo gruppo di persone (rapporto 3 a 1).

  • Ricerca di: Università di Rigshospitalet in Danimarca, Karolinska Institut di Stoccolma
  • Pubblicata su: Hepatology, International Journal of Obesity
  • Conclusione: Sia l’obesità che una dieta squilibrata possono provocare l’insorgenza di calcoli biliari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *