L’olio di oliva migliore del viagra?

olio d'oliva

L’aiuto migliore per la nostra salute arriva direttamente dalla tavola, ve lo abbiamo detto più e più volte.

E questa considerazione vale per poter tutelare la salute di tutti i nostri principali organi, non da meno per migliorare le nostre abilità sotto le lenzuola.

Secondo una ricerca scientifica realizzata dall’Università di Atene, l’olio di oliva potrebbe funzionare meglio dei farmaci che vengono comunemente utilizzati per aumentare le performance sessuali.

L’olio di oliva come surrogato del viagra, secondo i ricercatori greci, e basterebbe una dose di 9 cucchiai per ridurre il pericolo di impotenza maschile di circa il 40%.

Lo studio ha coinvolto più di 600 uomini (in età media di 67 anni) evidenziando che chi segue una dieta mediterranea non presenta alcun problema sessuale a letto. “Se seguono una dieta mediterranea, in particolare consumando molto olio d’oliva possono ridurre il loro rischio di impotenza fino al 40%”, spiegano gli esperti, confermando il ruolo di salute dell’olio di oliva.

L’olio di oliva, infatti, come analizzato dallo studio, è in grado di aumentare i livelli di testosterone nel sangue e di ridurre il rischio di disfunzione erettile.

Il consiglio degli scienziati, quindi, è quello di diminuire se non evitare del tutto il ricorso a farmaci comunemente usati, mediante un cambiamento radicale nell’alimentazione quotidiana. Più frutta, verdura, legumi, pesce e olio d’oliva per condire i nostri pasti, è questa la ricetta di salute ideale per migliorare le nostre performance a letto e evitare gli effetti collaterali dei farmaci.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 3 settembre 2018 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.