Sulla pizza ci va solo la mozzarella!

Alcune volte la ricerca scientifica riesce anche a far sorridere portando alla ribalta alcuni studi davvero insoliti, e della cui utilità (o meno) potremo rimanere a parlarne per ore ed ore.

Chissà cosa avrà spinto i ricercatori della Nuova Zelanda a cercare di scoprire il segreto ultimo, la verità inconfutabile, a trovare l’unica risposta possibile al quesito del secolo: che tipo di formaggio deve essere usato sulla pizza?

Gli studiosi dell’Institute of Food Technologist dell’Università di Auckland si sono davvero prodigati per la loro ricerca pubblicandone, poi, le conclusioni scientifiche sulla rivista Journal of Food Science. E qual è la conclusione dello studio? Dopo aver provato, mediante l’utilizzo di un macchinario specifico, le combinazioni di vari tipi di pizze e di formaggi, gli studiosi hanno constatato come l’unico alimento che si sposa in pieno con il gusto originale della pizza è la mozzarella.

E la spiegazione dell’abbinamento ottimale è legato al fatto che altri formaggi utilizzati nell’esperimento, come ad esempio l’Emmental o il Provolone, risultavano o troppo grassi o troppo asciutti e comunque non filanti così come, invece, la mozzarella. I requisiti richiesti dallo studio interessavano, infatti, l’abbrustolimento e la cottura del formaggio e solo la mozzarella, alla fine, riusciva a fornire dei risultati soddisfacenti.

La mozzarella di bufala, poi, secondo i ricercatori, aiuta a migliorare ulteriormente il gusto ed il sapore della pizza rendendo uno dei piatti più consumati in Italia e nel mondo ancora più succoso e nutriente.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 27 agosto 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.