Tre porzioni al giorno di frutta e verdura per ridurre il rischio di mortalità

frutta e verdura

Nel tempo cambiano anche le teorie “salutiste” degli esperti: se prima servivano almeno 5 porzioni di frutta e verdura ogni giorno per stare bene e vivere più a lungo, adesso, secondo gli scienziati, per ridurre il rischio di mortalità possono bastare anche 3 sole porzioni quotidiane.

Frutta e verdura rappresentano comunque la chiave principale per tutelare il benessere del nostro organismo e per prevenire le malattie, ma adesso le quantità consigliate di consumo giornaliero vanno riducendosi.

La ricerca scientifica che conduce a questa tesi è stata realizzata presso la McMaster University di Hamilton, in Canada, e pubblicata sulla rivista The Lancet. La teoria condivisa dagli scienziati è che il più basso rischio di mortalità per le persone è nel consumo di tre o quattro porzioni al giorno (per un totale che varia da 375 a 500 grammi al giorno) di frutta, verdura e legumi.

Circa 6000 le persone coinvolte dallo studio. I risultati ottenuti dalla ricerca confermano un tasso di mortalità più basso del 22% nelle persone che assumono tre porzioni al giorno di frutta, verdura e legumi rispetto a chi, invece, ne consuma soltanto una.

Tra gli alimenti indicati come essenziali per il nostro benessere, inoltre, il maggior beneficio per l’organismo è legato al consumo di verdure crude.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 31 agosto 2017 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. Dal 2014 è Dottore di Ricerca in Biologia e Medicina Sperimentale presso l’ateneo capitolino.