Perchè rifare il letto fa male alla salute?

Eccovi serviti dunque: se cercavate una scusa plausibile del perchè la vostra stanza è sempre in disordine, ma soprattutto, del perchè il vostro letto non è mai rifatto, bastava semplicemente rivolgersi alla scienza per capire che una risposta ragionata alle vostre pigre abitudini di casa già esisteva.

Una ricerca scientifica che farà felici tanti e tanti di voi arriva dall’Università di Kingston e servirà a smentire le migliori regole della buona casa tramandate, non senza obiezioni, di madre in figlio.

Lo studio condotto dal ricercatore Stephen Pretlove conferma che rifare il letto è sbagliato e che può avere addirittura delle ripercussioni sul nostro stato di salute.

Perchè? La colpa di tutto è da attribuire alla presenza degli acari nel nostro letto, animali di minuscole dimensioni, fonte e causa per l’uomo di forti allergie, ed in grado di insediarsi nelle superfici di materassi e cuscini. Gli acari sarebbero in grado di sopravvivere solo in presenza di risorse, anche minime, di acqua, mentre sono costretti alla morte se si trovano a contatto diretto con l’aria.

Lasciare scoperti materassi e cuscini durante il giorno significa permettere all’aria di eliminare l’umidità presente nelle lenzuola e sottrarre acqua agli acari costretti, dunque, alla disidratazione. Il consiglio dei ricercatori, quindi, è quello, soprattutto per i soggetti allergici, di evitare di rifare il letto già dal mattino o comunque non subito dopo essersi alzati. Rifare il letto, si può, ma solo in tarda giornata o magari prima di andare a dormire e, forse, a quel punto, non ce ne sarebbe neanche più il bisogno.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 22 settembre 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.