Il bacio di un cane può essere mortale?

bacio cane

Nonostante buona parte della comunità scientifica sia concorde con il contrario, arriva l’ennesima ricerca scientifica che tenta di alimentare un vecchio allarmismo: il bacio di un cane può esservi fatale.

Molti studiosi hanno sempre confermato l’efficacia della leccata di un cane per il rafforzamento del nostro sistema immunitario (soprattutto nei soggetti più piccoli), adesso i ricercatori della Queen Mary University di Londra provano a metterci in guardia dai possibili rischi di un bacio del nostro miglior amico a 4 zampe.

I cani trascorrono la metà della loro vita con i loro nasi in angoli sporchi o si muovono attorno alle feci di altri cani. Per questo motivo, i loro musi sono pieni di batteri, virus e germi di ogni tipo”, spiegano gli esperti. Il contatto del cane con l’uomo potrebbe quindi favorire il contagio di numerosi batteri o virus, più o meno gravi per il nostro stato di salute.

Qualche esempio? Il batterio Capnocytophaga Canimorsus che nei soggetti a rischio, come ad esempio gli anziani, può costituire un vero e proprio pericolo di vita.

E’ vero: sono numerosi i germi o i batteri che potrebbero colpirci utilizzando la saliva del cane come veicolo di contagio. Ripetiamo che non bisognerebbe parlare, però, di rischio elevato: come detto, il problema riguarda principalmente le persone con patologie preesistenti o con un sistema immunitario non efficiente. Parliamo, quindi, di individui immunodepressi, ovvero con ridotte difese per l’organismo.

Altro dato da non sottovalutare: il rischio di contagio è elevato solo quando il bacio del cane va a contatto con una zona del corpo dove è presente una ferita o comunque una lesione cutanea in grado di favorire la trasmissione del patogeno.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 4 agosto 2017 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.