no cioccolato al cane

Perchè non bisogna dare la cioccolata al nostro cane?

Aprile è il mese della Pasqua e, si sa, le festività pasquali si associano sempre anche allo scambio affettuoso e caratteristico delle uova di cioccolato.

Quanta cioccolato abbiamo un pò tutti riposto nel frigorifero in attesa di consumarla? A questo proposito molto spesso, soprattutto nelle famiglie che ospitano anche un amico a 4 zampe, c’è sempre la tentazione di qualcuno di regalare un piccolo pezzo di cioccolata al proprio cane.

Nulla di più sbagliato. Come confermano anche gli esperti dell’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI), questo semplice gesto può risultare letale per il nostro cucciolo: <<il cioccolato contiene teobromina, un alcaloide della medesima famiglia della caffeina. Questa sostanza per essere assimilata necessita dell’azione di un enzima, il citocromo P450, che però nei cani è carente e meno attivo rispetto agli esseri umani. Unitamente a ciò va sottolineato che la teobromina è sospettata di indurre cardiomiopatie in questi animali>>.

La teobromina in un individuo impiega circa 7 ore prima di essere eliminata, in un cane servono 17 ore. Questa condizione determina che la sostanza rimane in circolo per molto più tempo rispetto all’uomo con un rischio di intossicazione nell’animale che provoca diarrea, vomito o, nei casi più disperati, anche la morte.

Leggi la ricerca  Chi ci ama di più: un cane o un gatto?

La gravità o meno dell’intossicazione è legata alla stazza dell’animale e alla sua possibilità di gestire gli effetti dannosi in circolo: un cane di grossa taglia può avere meno disturbi di uno di piccola taglia e, quindi, potrebbe mangiare anche più cioccolata di un cane più piccolo. Altra considerazione da fare nel caso si cada nella tentazione: tra le varie tipologie di cioccolato è preferibile scegliere la cioccolata bianca o anche la cioccolata al latte che possiedono meno quantità di teobromina ed evitare assolutamente, invece, la cioccolata fondente.

Secondo gli esperti basterebbero anche solo 60 grammi di cacao in un cane del peso di 10 kg per provocare degli effetti collaterali che possono protrarsi fino a 3 giorni. In caso di un’intossicazione accidentale, comunque, il consiglio è quello di cercare di far vomitare il proprio cane facendogli bere un pò di acqua ossigenata.