Vivere con un cane migliora la vita dei single!

cane

Vivere con un amico a 4 zampe ci riempie la vita di gioia e di calore e, secondo gli esperti, riesce anche a renderla migliore!

Che fosse un bene vivere in casa con un cane o un gatto lo avevamo già condiviso con alcuni studi condotti in passato, quello che scopriamo adesso è che la compagnia di un animale in casa protegge la salute del nostro cuore e aiuta a ridurre lo stress.

Secondo una ricerca scientifica condotta presso l’Università di Uppsala in Svezia e pubblicata sulla rivista Scientific Reports sono numerosi i benefici di salute conseguenti alla condivisione della vita quotidiana con un cane.

In primis per la salute del cuore: lo studio scientifico ha confermato, infatti, che i proprietari di cani sono meno esposti a malattie cardiovascolari rispetto agli altri. A beneficiarne maggiormente, poi, sarebbe soprattutto la categoria dei single, che, secondo gli scienziati, rappresenta un target di rischio potenziale per le problematiche cardiache.

L’altro vantaggio evidenziato dai ricercatori è la capacità, per i cani che vivono in casa con noi, di ridurre lo stato di stress e di migliorare l’umore nelle persone. Questa condizione si lega, inoltre, alla possibilità di far migliorare il sonno e di rendere il riposo dei proprietari molto più sereno.

Il consiglio degli esperti, infatti, è quello di scegliere di vivere con un cane se si è in presenza di disturbi di ansie o comunque di stati di agitazione e insicurezza. La vita condivisa con un cane sembra favorire, infatti, dei rapidi benefici di miglioramento per i soggetti affetti dalle patologie psicosomatiche.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 21 novembre 2017 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.