Le patatine fritte possono curare la calvizie?

patatine fritte

Siamo un pò scettici ma se fosse confermato questo nuovo studio giapponese avrebbe davvero dell’incredibile!

Quanti alimenti, infatti, conosciamo che oltre ad essere tanto gustosi possono risolvere anche delle problematiche serie di salute?

Mettiamo da parte per un secondo i cibi salutari della tavola come frutta e verdura e pensiamo, invece, a piatti calorici e ricchi di grassi come ad esempio una porzione di patatine fritte.

Proprio le patatine fritte, secondo una ricerca condotta presso la Yokohama National University, sarebbero in grado di curare la calvizie.

Le proprietà di cura sarebbero da attribuire ad una componente chimica presente nell’olio di frittura delle patate: il dimetilpolisilossano.

Per arrivare a questa incredibile tesi i ricercatori giapponesi hanno sperimentato le proprietà di salute del dimetilpolisilossano su dei roditori in laboratorio: la componente è riuscita a a stimolare la produzione di cinquemila germi del follicolo pilifero sulla cute dei topi. E come spiegano gli esperti: <<Il metodo è molto semplice, è un metodo robusto e promettente. Speriamo che questa tecnica riuscirà a migliorare la terapia rigenerativa dei capelli umani utilizzata per trattare calvizie come l’alopecia androgenetica>>.

La ricerca condotta dovrà essere supportata da ulteriori studi scientifici, ma l’entusiasmo dei ricercatori è tale perchè solitamente gli effetti curativi che si verificano sui topi sono simili a quelli che si concretizzano sugli esseri umani.

Una nuova cura per la calvizie potrebbe essere stata scoperta in Giappone. In attesa di ulteriori aggiornamenti, un consiglio per le persone calve è forse quello di iniziare a mangiare un pò più patatine fritte del solito senza eccedere, però, le quantità consigliate

Post Correlati

Post pubblicato il 28 Gennaio 2019 da: