Giocare a tombola fa bene al cervello!

E quanti di voi sono già pronti ad “affrontare” le ormai prossime festività natalizie? Pranzi infiniti e tavole imbandite, incontri piacevoli (e meno piacevoli) con parenti ed amici, regali attesi ed inattesi e poi…poi c’è lei: la tombola di Natale, l’intramontabile gioco della tradizione napoletana che non può almeno per una volta non fare ingresso nelle vostre case e regalare dei momenti unici di allegria e divertimento. Per alcuni la tombola diventa la celebrazione per eccellenza delle feste natalizie, per altri, invece, è solo un passatempo ormai fuori moda e che non ha più ragione d’esistere al confronto con i giochi più moderni della roulette e delle carte da poker.

Attenzione, però, perchè grazie ai ricercatori del Max Planck Institute di Berlino anche i più disillusi, forse, potranno ricredersi e rivalutare il ruolo della tombola per il prossimo Natale. Secondo uno studio condotto in Germania la tombola è in grado di migliorare le facoltà cognitive dei giocatori favorendo la concentrazione ed il livello di attenzione nell’individuo. Confermano i ricercatori, infatti, che la tombola invita chi partecipa al gioco a mantenere il proprio cervello attivo a 360 gradi andando ad incrementare il numero di reti e connessioni tra i neuroni. Non solo, la stimolazione della mente sarebbe in correlazione anche con il numero di cartelle con le quali decidiamo di giocare: più cartelle scegliamo di controllare maggiore sarà il nostro allenamento per concentrazione e memoria.

  • Ricerca di: Max Planck Institute di Berlino
  • Conclusione: Giocare a tombola migliora le facoltà cerebrali mantendo il cervello allenato

Post Correlati

Articolo pubblicato il 19 dicembre 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.