I funghi proteggono la salute del nostro cervello!

mangiare funghi

A chi non piacciono i funghi? Tutti, chi più o chi meno, siamo abituati a mangiarli in un bel piatto di pasta o come condimento per una portata di secondo.

Sappiamo tutti, inoltre, che oltre ad essere gustosi, i funghi hanno delle potenzialità di salute essenziali per il nostro organismo.

Secondo i ricercatori della National University of Singapore, un motivo in più per mangiare i funghi risiede negli effetti benefici che determinano sulla salute del nostro cervello.

Dai dati raccolti dallo studio è emerso, infatti, che basterebbero 150 grammi di funghi (cotti) al giorno per ridurre i rischi di declino cognitivo.

Come spiegano gli esperti, con il passare degli anni, tutti noi andiamo incontro a delle compromissioni cognitive lievi, conosciute come Mild Cognitive Impairment (MCI), e che sono, ad esempio, una leggera perdita di memoria, dei disturbi di attenzione, dei problemi con le articolazioni motorie o del linguaggio.

Tutte queste compromissioni sono lievi e sono alla base di un declino cognitivo del tutto naturale negli adulti.

Mangiare funghi aiuta, quindi, a proteggere il nostro cervello anche con solo pochi grammi al giorno di alimento.

Ma qual è il fattore che determina questa singolare prevenzione? E’ l’ergotioneina, una sostanza attiva presente nei funghi, che ha elevate proprietà antiossidanti.

L’ergotioneina non può essere prodotta dall’uomo ma viene assunta mediante il consumo di specifici alimenti come appunto i funghi.

E come conferma della teoria dei ricercatori, dai test condotti è emerso, infatti, che i soggetti con sintomi di MCI presentavano dei livelli più bassi di ergotioneina rispetto al gruppo dei soggetti  più sani a livello cognitivo.

Post Correlati

Post pubblicato il 15 Marzo 2019 da: