Il solletico funziona ma solo se sei di buonumore!

Quante lotte abbiamo fatto da bambini (e qualcuno ancora oggi da grande) insieme ai nostri piccoli amici a chi riusciva a resistere più a lungo al gioco del solletico?

Ma che cos’è il solletico e perchè provoca in noi una strana sensazione di fastidio “piacevole”? Il solletico è una reazione involontaria indotta da un contatto improvviso su alcune parti più sensibili del nostro corpo e che determina in noi una risposta di movimento involontario e, in molti casi, tante grosse risate.

Come sappiamo c’è chi riesce a resistere di più e chi meno al solletico, ma attenzione, però, perchè secondo i ricercatori questa “mossa” particolare non sempre può funzionare, anzi in alcuni casi quel tocco sensibile sulla nostra pelle può anche non produrre alcun effetto.

Gli scienziati dell’Università Humboldt di Berlino hanno scoperto che è il nostro umore la chiave del successo del solletico e che, in particolari condizioni di stress, non si registra alcun reazione involontaria nel soggetto.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Science, è stata realizzata in laboratorio e ha studiato le reazioni dei roditori al solletico. Gli esperti hanno registrato l’attività cerebrale dei topi durante la stimolazione andando a verificare anche le loro diverse risposte motorie.

Come confermato dallo studio, in situazioni di paura, o comunque di forte stress, i roditori non hanno sofferto il solletico, dimostrando, quindi, che l’area del cervello coinvolta dalla stimolazione è condizionata dall’umore del soggetto. La risposta al contatto viene elaborata all’interno della corteccia somatosensoriale, ovvero nell’area del cervello dove i neuroni sollecitati attivano delle risposte naturali di piacere. In situazioni di stress e non di buonumore, quindi, non è possibile registrare una risata indotta dal solletico nè l’attivazione dei neuroni.