Ecco i benefici del perdere peso nei soggetti obesi e non

Ridurre l’apporto calorico giornaliero favorisce l’insorgere di numerosi benefici per la nostra salute, sia nei soggetti obesi che in quelli che già presentano una forma invidiabile.

Prendendo in considerazione i risultati ottenuti da uno studio scientifico pubblicato sulla rivista di settore JAMA Internal Medicine, infatti, a beneficiare della riduzione calorica del 25% nella nostra dieta quotidiana sarebbero anche gli adulti non obesi.

La ricerca ha coinvolto circa 200 persone, monitorate per un tempo di 24 mesi, con un’età media di 38 anni, e con un indice di massa corporea tendente tra il normale e il sovrappeso. Obiettivo dello studio era verificare se in conseguenza di una rigida restrizione calorica i soggetti avessero presentato sintomi di riduzione della libido, una minore resistenza o anche stati mentali di depressione ed irascibilità. I partecipanti alla ricerca sono stati suddivisi in due gruppi distinti, uno dei quali soggetto al “taglio” calorico, l’altro, invece, con l’indicazione di poter mangiare normalmente. Ai soggetti della ricerca è stato, inoltre, richiesto di rispondere a dei questionari relativi al proprio umore, alla qualità della vita, del sonno, dei rapporti di coppia.

Leggi la ricerca  La prova costume crea più stress nei maschi che nelle donne!

Al termine dello studio i ricercatori hanno evidenziato una perdita di peso nel primo gruppo di circa 7,5 chili mentre di meno di mezzo chilo nel gruppo di controllo. I dati più interessanti, però, hanno confermato che alla riduzione di peso veniva associato anche un maggiore vigore nella vita sessuale, minori disturbi dell’umore ed una migliore qualità del sonno, oltre che uno stato di salute generale ampiamente al di sopra della media degli individui.

Gli esperti confermano che: “Si è scoperto che la restrizione calorica tra le persone in sovrappeso e obese migliora la qualità della vita, il sonno e la funzione sessuale. I risultati del nostro studio indicano che due anni di questo regime difficilmente influenzano in negativo questi fattori in adulti sani, ma piuttosto è probabile che garantiscano qualche miglioramento”. Non esiste ancora un’evidenza scientifica sulle conseguenze della restrizione calorica nei confronti di soggetti con significative problematiche di salute ma, di certo, lo studio condotto può rappresentare una dimostrazione tangibile che, oltre a far dimagrire, la restrizione calorica può aiutare a vivere più a lungo e con maggior benessere.