Perchè la scienza consiglia di dormire con i calzini a letto?

calzini a letto

Quanti di voi hanno l’abitudine di togliersi i calzini prima di andare a letto?

Quanti, invece, non possono sopportare di dormire con i piedi freddi e cercano una soluzione possibile indossando i calzini anche di notte?

Secondo la scienza indossare i calzini a letto comporterebbe degli evidenti vantaggi per la nostra salute.

Questa conclusione è frutto di diversi studi condotti sull’argomento: una ricerca dell’Università di Groningen, in Olanda, ad esempio, ha dimostrato che indossare i calzini, al di là delle nostre comuni convinzioni sull’essere più o meno sensuali sotto le coperte, migliora l’intesa sessuale e favorisce il raggiungimento dell’orgasmo nelle donne.

Delle 13 coppie analizzate, infatti, quelle che indossavano i calzini avevano una probabilità maggiore di raggiungere l’orgasmo.

Perchè? Secondo gli scienziati il motivo è che le donne reagiscono negativamente ai piedi freddi del partner, mentre con i calzini si lasciano andare più facilmente.

Un altro studio condotto conferma, invece, che indossare i calzini evita il restringimento dei vasi sanguigni favorendo il mantenimento di una corretta temperatura per il nostro corpo.

Come sappiamo, infatti, sono le estremità del nostro corpo, come mani e piedi, a determinare un abbassamento della temperatura corporea; mantenendo le estremità calde, invece, la temperatura del corpo si mantiene regolare e questa condizione consente anche di farci addormentare più velocemente.

L’importante, spiegano gli esperti, è che i calzini che indossiamo di notte non siano troppo stretti e che consentano la naturale circolazione sanguigna negli arti inferiori.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 14 novembre 2018 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.