Cosa fare per prevenire gli attacchi cardiaci?

Si possono prevenire gli attacchi cardiaci? La risposta è si, basterebbe solo seguire una condotta di vita molto più attenta e salutare. Non è questa, d’altronde, la prima ricerca scientifica che arriva ad una conclusione del genere e, forse, a questo punto potrebbe convenire, per una nostra personale prevenzione, ascoltare con maggiore interesse i pareri ed i suggerimenti degli studiosi di settore.

La nuova ricerca condotta presso il Karolinska Institutet di Stoccolma e pubblicata sul Journal of American College of Cardiology conferma come uno stile di vita adeguato può prevenire il verificarsi di ictus o infarto negli individui, riducendo così la percentuale di rischio di incorrere in malattie coronariche. Ma cosa si intende per una regolare condotta di vita? Una dieta corretta, un esercizio fisico costante, evitare abusi di alcool, cibo e fumo, ecco qual è la ricetta perfetta per allontanare i rischi di eventi indesiderati. La ricerca ha evidenziato come gli individui che hanno seguito tutte le indicazioni di uno stile di vita salutare hanno ridotto il rischio di attacchi cardiaci dell’86%, percentuali più basse, invece, per tutti quelli che non hanno modificato tutti i fattori di rischio presenti. La dottoressa Agneta Akesson, tra i responsabili dello studio condotto, ha fatto notare come cambiare i comportamenti di vita potrebbe, dunque, risultare di fondamentale importanza ed avere un impatto notevole sulla nostra salute. Modificare le abitudini del quotidiano è possibile a qualsiasi età ed in qualsiasi momento, quindi, anche se iniziare il prima possibile può significare garantirsi dei risultati migliori di prevenzione.

  • Ricerca di: Karolinska Institutet di Stoccolma
  • Pubblicata su: Journal of American College of Cardiology
  • Conclusione: Una più adeguata condotta di vita può ridurre di oltre l’80% i rischi di malattie cardiovascolari
Leggi la ricerca  Mai rinunciare alla colazione, fa male al cuore