Se siamo al caldo non rischiamo l’infarto!

Il professor Yihao Cao del Karolinska Institutet di Solna in compagnia di alcuni colleghi ha dimostrato che in inverno la probabilità di esser colpiti da infarti e ictus aumenta in maniera esponenziale rispetto agli altri periodi dell’anno.

Il rischio d’infarto è legato al progressivo accumulo di grassi nel nostro sistema cardiovascolare, un accumulo che impedisce come un blocco all’interno dell’arteria il corretto flusso di sangue nel nostro corpo.

Questo processo sembrerebbe essere, secondo lo studio di Yihao Cao molto più veloce quando le temperature esterne si abbassano e favoriscono la formazione di ulteriori placche aterosclerotiche.

Articolo pubblicato il 5 luglio 2013 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. Dal 2014 è Dottore di Ricerca in Biologia e Medicina Sperimentale presso l’ateneo capitolino.