Anche il fumo di terza mano fa male

Conosciamo tutti i danni che può provocare il fumo al nostro organismo, quello che forse non immaginiamo è che anche il fumo “di terza mano” ha effetti egualmente nocivi per la nostra salute.

Ma cos’è il fumo di terza mano e come ne entriamo in contatto? Il fumo primo è quello del fumatore diretto che lo inala direttamente, quello di seconda mano è quello che viene “respirato” dall’organismo della persona costantemente vicina al fumatore, quello di terza mano, infine, è quello che rimane nell’ambiente del fumatore e che dal fumo delle sigarette si “attacca” a pavimenti, arredi, tessuti diventando ogni giorno sempre più tossico. Una ricerca scientifica dell’Università della California conferma proprio questa tesi evidenziando quali sono gli effetti del fumo di terza mano sugli organi. Lo studio, pubblicato su PLoS One, è stato condotto su dei topi esposti al fumo di terza mano e che hanno registrato, durante la ricerca, danni significativi a fegato e polmoni, difficoltà nei processi di rimarginazione delle ferite ed incremento dell’iperattività.

  • Ricerca di: Università della California
  • Pubblicata su: PLoS One
  • Conclusione: Il fumo di terza mano può causare danni a fegato e polmoni

Post Correlati

Articolo pubblicato il 3 febbraio 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.