E’ allarme fumo passivo anche per gli animali domestici!

fumo passivo animali

Se proprio non volete smettere con le sigarette per regalare un beneficio al vostro stato di salute, decidete di dire no al fumo solo per salvaguardare la vita dei vostri amici a 4 zampe.

Secondo una recente ricerca scientifica condotta presso l’Università di Glasgow, infatti, il fumo passivo aumenta il rischio di morte precoce negli animali domestici.

Lo studio ha interessato sia cani che gatti per verificare quali sono gli effetti del fumo passivo sulla loro salute. Sono stati esaminati dei campioni dei peli degli animali per rilevare i livelli di nicotina presenti e poi è stato richiesto a ciascun proprietario di compilare un questionario sulle proprie abitudini di fumo.

In particolare l’obiettivo della ricerca realizzata era quello di individuare un legame tra fumo passivo e linfoma soprattutto nei gatti, una tra le cause di morte precoce nei felini. Come commentano i ricercatori: <<Molte persone saranno sconvolte nello scoprire che il loro fumo passivo stava danneggiando il loro animale domestico e in alcuni casi accorciando seriamente la vita dell’animale>>.

Dall’analisi condotta, infatti, i cani e i gatti non solo respirano il fumo passivo perchè costantemente presenti negli ambienti in cui vivono i fumatori, ma ingeriscono la nicotina anche quando si leccano il pelo.

Il problema maggiore sembra interessare soprattutto i cani che presentano un rischio maggiore di sviluppare un cancro al polmone o al seno. Per gli animali domestici più piccoli, invece, come ad esempio gli uccelli, è stata evidenziata una maggiore incidenza di problemi respiratori e di malattie della pelle.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 11 dicembre 2017 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.