Fumo ed alcool invecchiano il cervello

Dopo la recente ricerca che evidenzia come sole e fumo invecchiano la nostra pelle più velocemente, adesso ad andare sotto accusa è, invece, l’uso giornaliero e combinato di fumo ed alcool.

Anche in questo caso i risultati parlano di invecchiamento precoce, ma attenzione non della pelle, piuttosto delle nostre attività cognitive.

Un abuso di fumo ed alcool, quindi, metterebbe a dura prova le performance del nostro cervello, questa la conclusione di una ricerca capeggiata dal dottor Gareth Hagger-Johnson e pubblicata sulla rivista British Journal of Psychiatry, che ha studiato il comportamento cognitivo di più di 6000 persone (uomini e donne) nell’arco di ben 10 anni.

Dall’analisi è risultato evidente che bevitori e fumatori accaniti hanno un declino cognitivo più rapido del 36% rispetto ai fumatori e bevitori moderati, uno scarto che si traduce in un invecchiamento per il cervello di ben due anni in più per uno stesso intervallo di tempo.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 15 luglio 2013 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.