denaro

Puoi davvero smettere di fumare se hai la giusta motivazione!

Ne siamo convinti: tutto può essere possibile se siamo inspirati dalla giusta motivazione. E in questo caso per giusta motivazione parliamo di soldi.

Ne sono convinti anche i ricercatori americani che hanno condotto uno studio sulle possibilità di far smettere di fumare alcuni fumatori incalliti semplicemente fornendo loro un’adeguata ricompensa in denaro.

La ricerca scientifica, pubblicata sulla rivista JAMA, ha dimostrato come il denaro più aiutarti a smettere di fumare. Lo studio ha coinvolto 352 fumatori di Boston con una media di 10 sigarette al giorno e tutti con la volontà di smettere. Ad alcuni di loro è stato offerto un aiuto in termini di consulenze personalizzate e brochure informative, ad altri, invece, è stato promesso un pagamento in contanti commisurato alla rinuncia realizzata: 250 dollari se si smetteva di fumare per un periodo limitato, 500 dollari se si smetteva per almeno 12 mesi.

Dai dati ottenuti dallo studio è emerso che di chi aveva usufruito di aiuti professionali solo l’1% aveva smesso di fumare mentre l’incentivo del denaro aveva consentito al 10% del gruppo di chiudere con il vizio delle bionde (per un tempo di almeno 6 mesi). “Dopo 12 mesi, il 12% del gruppo di intervento ha smesso di fumare, mentre solo il 2% del gruppo di controllo aveva abbandonato le sigarette“, confermano i ricercatori della Boston School of Medicine. Nessun trucco: tutti i partecipanti allo studio sono stati monitorati costantemente con dei test di saliva e urine per verificare effettivamente il cambio di stile di vita da fumatori a non fumatori.

I risultati condivisi dalla ricerca dimostrano che un incentivo forte può condizionare le scelte di vita di un individuo. Il problema reale, però, a questo punto è chiedersi, nel caso, come poter reperire i fondi per un intervento del genere su base massiva e domandarsi, inoltre, se è lecito che il denaro pubblico possa essere investito come ricompensa per salvaguardare la salute degli amanti delle bionde dai danni del fumo.