Smettere di fumare con più frutta e verdura

Quanti sono i rimedi noti per poter mettere la parola fine al vizio sempre più dannoso e pericoloso del fumo?

Per alcuni fumatori chiudere con il tabagismo è solo una questione di volontà o di ferma decisione, per altri, invece, lasciare andare l’abitudine delle sigarette è davvero dura, ed allora si prova a ricorrere a dei rimedi per smettere di fumare che possano rendere quel distacco meno doloroso: gomme alla nicotina, cerotti, non ultimo la soluzione della sigaretta elettronica.

Non solo, però, arriva dall’America una ricerca pronta a dimostrare che il vizio del fumo può essere combattuto in maniera decisiva anche dalla tavola, seguendo una dieta alimentare più corretta ed incrementando la quantità di verdura e frutta che siamo soliti mangiare.

Lo studio, condotto presso l’Università di Buffalo, conferma che consumare più frutta e verdura durante il giorno aiuta a rendere maggiormente sgradevole il sapore delle sigarette ed aiuta a ridurre lo stimolo dell’appetito e della necessità di fumare dopo i pasti.

Una delle conseguenze per chi smette di fumare, infatti, è quella di tendere ad aumentare di peso nella necessità di dover riempire il vuoto della sigaretta con del cibo da ingerire durante la giornata.

Assumere più frutta e verdura, e quindi più fibre vegetali supera, invece, il problema di colmare quel vuoto con una “disintossicazione vegetale” in grado di regalare una sensazione positiva di sazietà che non è causa, comunque, di un apporto calorico eccessivo per il nostro organismo.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 22 settembre 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.