Fate attenzione all’orticaria da jogging…

Mantenersi in forma con un pò di attività fisica, e senza mai lasciarsi andare ad eccessi o esagerazioni, è un vero e proprio toccasana per la nostra salute. E basterebbe un pò di corsa quotidiana, al mattino o anche alla sera, per garantirsi un maggior beneficio sia fisico che mentale.

Non a tutti, però, è consigliabile fare jogging per preservare e tutelare il proprio stato di salute: per alcuni, infatti, la corsa potrebbe scatenare una reazione allergica nota come “orticaria da jogging”. Sono i ricercatori del National Human Genome Research Institute ad aver analizzato questa particolare forma di allergia che si evidenzia, sotto forma di orticaria, in alcuni individui con una singolare mutazione del proprio Dna.

Lo studio, pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine, conferma l’insorgenza di una particolare forma di orticaria che si genera con le semplici vibrazioni dei passi frenetici dell’individuo sul terreno. La vibrazione dovuta alla corsa favorisce nell’organismo il rilascio di sostanze chimiche infiammatorie dai mastociti del sistema immunitario causando del rush cutaneo: prurito, vampate, affaticamento, segni rossi sul corpo, mal di testa, questi sono alcuni sintomi che compaiono nel soggetto e che tendono a scomparire dopo circa un’ora.

Leggi la ricerca  I traumi vissuti da piccoli aiutano a fortificare da grandi

I ricercatori hanno quindi verificato la causa genetica che determina questa singolare risposta dell’organismo: analizzando il patrimonio genetico di alcune famiglie e sequenziando il Dna dei suoi componenti, affetti e non dall’orticaria da jogging, hanno, infatti, individuato una particolare mutazione del gene Adgre2 condivisa solo da tutte le persone colpite dall’allergia da corsa.