Si può essere maschio anche senza il cromosoma Y?

Cosa ci insegna la genetica e lo studio del Dna? Senza dubbio che la definizione del genere maschile o femminile di un individuo viene attribuito dalla presenza dei cromosomi sessuali X e Y. Abbiamo imparato, infatti, che una coppia di cromosomi sessuali XX determina il genere femmina, una coppia dei cromosomi sessuali XY, invece, il genere maschio.

Sappiamo, inoltre, che nel cromosoma Y è localizzato la SRY (Regione determinante il Sesso sul cromosoma Y), che determina il differenziamento dell’embrione maschile: se il gene è presente e attivo l’embrione sviluppa i testicoli, se assente o inattivo parliamo di ovari.

Ma è possibile pensare ad un genere maschile anche senza la presenza di un cromosoma Y? Secondo una ricerca scientifica pubblicata sulla rivista Scientific Reports e condotta presso l’università di Hokkaido in Giappone, è possibile che esista una sorta di sostituto del cromosoma maschile che può, comunque, determinare una significativa differenza di genere.

Il dna di alcuni roditori maschi analizzato in laboratorio dai ricercatori, infatti, non ha dato riscontro dell’esistenza nè del cromosoma Y, nè del gene Sry, seppur evidenziando la presenza tutti gli altri geni fondamentali per la determinazione del sesso maschile. <<Ipotizziamo che nel roditore T. osimensis ci sia un gene sconosciuto che funzioni come sostituto del gene Sry. La scoperta potrebbe aiutare nella comprensione del meccanismo di determinazione del sesso, che potrebbe essere indipendente dal cromosoma Y>>, hanno dichiarato i ricercatori, confermando, però, che il sostituto del gene Sry non è ancora stato individuato.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 4 ottobre 2016 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. Dal 2014 è Dottore di Ricerca in Biologia e Medicina Sperimentale presso l’ateneo capitolino.