Con l’aiuto dello zafferano ti curo l’alzheimer!

zafferano

La conclusione di un recente studio di ricerca pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the Neurological Science lo conferma: è lo zafferano l’arma in più per combattere l’Alzheimer.

Ancora una volta è la tavola con i suoi alimenti, le sue spezie o condimenti a favorire un beneficio di salute nei confronti di disturbi e a proteggerci dalle malattie come l’alzheimer. Lo zafferano, nello specifico, agisce come un pulitore <<favorendo la degradazione della proteina beta-amiloide, la proteina tossica principale indiziata di causare la malattia, almeno nel nostro studio condotto su cellule di pazienti in provetta>>.

E’ il dottor Antonio Orlacchio, direttore del Laboratorio di Neurogenetica del Centro europeo di ricerca sul cervello (Cerc) dell’Irccs Santa Lucia di Roma e professore di Genetica medica all’Università di Perugia a spiegare la ricerca realizzata. Innanzitutto la curiosità è: perchè si è partiti proprio dallo zafferano? <<Perchè precedenti studi ne hanno messo in luce l’enorme potenziale neuroprotettivo. Questo perché la spezia contiene potenti antiossidanti e molecole bioattive, quali crocine e crocetine. Così nel nostro studio abbiamo trattato cellule immunitarie di 22 pazienti, uomini e donne con la forma più diffusa di Alzheimer e un quadro di declino cognitivo, con un componente attivo dello zafferano, la trans-crocetina>>.

Dagli esiti rilevati dallo studio lo zafferano si è dimostrato abile ad attivare un processo di degradazione proprio della proteina tossica beta-amiloide. La ricerca condotta in laboratorio ha definito dei risultati incoraggianti che dovranno essere approfonditi prima di procedere al trial clinico sugli uomini.

Intanto, però, è già possibile ipotizzare la realizzazione di nuove terapie anti-alzheimer con l’utilizzo di estratti di zafferano, rimedi molto più naturali e con un rischio minore di effetti collaterali per i pazienti.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 23 novembre 2017 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.