Diabete di tipo 2: un segnale di allarme arriva dalle gengive!

malattie gengivali

Il diabete di tipo 2, che si differenza dal diabete (autoimmune) di tipo 1, è purtroppo oggi una malattia abbastanza comune.

E’ l’incremento dei livelli di glucosio nel sangue a determinarne la comparsa nei soggetti, incremento dovuto a un’inefficace produzione di insulina rispetto alle necessità dell’organismo.

La comparsa del diabete di tipo 2 non è sempre facile da individuare perchè i sintomi della malattia non si manifestano in maniera evidente a differenza del diabete di tipo 1.

A meno di analisi specifiche che controllano il livello di glicemia del sangue, il più delle volte, la comparsa della malattia nei soggetti è difficilmente diagnosticabile. Le persone a rischio di insorgenza sono per lo più i soggetti obesi o con delle abitudini alimentari scorrette, la malattia si manifesta per lo più in età adulta ed ha una rilevante componente genetica.

 

Individuare dei primi segnali di allarme della malattia, però, potrebbe aiutare a prevenire delle complicanze supportando il soggetto nella cura più efficace possibile.

Secondo la community Diabetes un sintomo del diabete 2 è la malattia gengivale.

Come spiegano gli esperti della community, infatti: <<I livelli di zucchero nel sangue incontrollati possono far salire i livelli di glucosio nella saliva e questo crea un terreno fertile per i batteri, aumentando il rischio di malattie gengivali e carie dentaria>>. Livelli elevati di glicemia, quindi, che possono causare danni alle gengive rendendo più probabili le infezioni.

Avere alcuni sintomi come le gengive gonfie e arrossate, il sanguinamento della bocca o l’alito cattivo, quindi, potrebbe essere un segnale dell’insorgenza del diabete 2 e, pertanto, in caso di evidenze del genere è consigliabile un immediato controllo medico.

Come detto, infatti, il poter riconoscere dei segnali di allerta può evitare delle problematiche anche gravi che la malattia del diabete può portare alla salute di cuore, reni o nervi.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 16 ottobre 2018 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.