La speranza italiana per la cura del diabete 2

Una promessa tutta italiana per curare in futuro il diabete di tipo 2 arriva dalla ricerca condotta presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Pisa.

Lo studio, che a febbraio sarà pubblicato sulla rivista scientifica Diabetologia, prende in esame le cause che determinano l’insorgere del diabete 2. La ricerca, coordinata dal dottor Piero Marchetti, ha dimostrato che la ridotta quantità di insulina prodotta è dovuta non solo alla morte delle cellule beta del pancreas, come da sempre ritenuto, ma anche alla constatazione che molte di quelle cellule, seppur vive, sono incapaci di funzionare normalmente e quindi di produrre insulina. La ricerca, secondo gli scienziati, servirà a indicare quali sono i meccanismi molecolari che impediscono il corretto funzionamento delle cellule beta e a prevedere, in futuro, nuove forme di terapia o cura per il diabete.

  • Ricerca di: Azienda Ospedaliero-Universitaria di Pisa
  • Pubblicata su: Diabetologia
  • Conclusione: Le cellule beta del pancreas possono essere responsabili dell’insorgere della malattia

Post Correlati

Articolo pubblicato il 20 gennaio 2014 da un nostro autore

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. Dal 2014 è Dottore di Ricerca in Biologia e Medicina Sperimentale presso l’ateneo capitolino.