L’uva ci protegge dall’alzheimer!

Combattere la malattia della demenza con semplici accorgimenti in tavola: secondo alcuni ricercatori americani il consumo di uva due volte al giorno può tutelarci dall’insorgenza del morbo di Alzheimer.

La scoperta scientifica realizzata presso l’University of California e pubblicata sulla rivista Experimental Gerontology, conferma i benefici di una dieta arricchita con l’uva per combattere il declino cognitivo. La sperimentazione condotta ha coinvolto dieci pazienti suddivisi in due gruppi distinti: ad un gruppo è stata somministrata polvere d’uva (l’equivalente di poco più di due tazze di uva al giorno) per sei mesi, al gruppo di controllo soltanto un placebo.

Dai dati di ricerca raccolti, gli scienziati hanno verificato un cambiamento significativo nell’attività metabolica delle regioni del cervello, una delle prime funzioni cerebrali che vengono colpite con l’insorgenza della malattia. Nel primo gruppo, ovvero nei pazienti che hanno consumato quotidianamente uva, il metabolismo cerebrale è mutato definendo un miglior apprendimento, una maggiore attenzione e capacità di memoria; nel gruppo di controllo, invece, si è registrata una significativa diminuzione del metabolismo in alcune regioni critiche del cervello.

Leggi la ricerca  Quali possono essere i rischi di un'emicrania cronica?

Come spiegano anche i ricercatori: sono i polifenoli contenuti nell’uva a garantire una migliore salute del cervello (grazie alle loro funzioni anti-ossidanti ed anti-infiammatorie) e a consentire, quindi, una valida protezione nei confronti dell’insorgenza della malattia dell’Alzheimer.