No agli insaccati per chi soffre di asma!

L’asma, come tutti sappiamo, è una malattia infiammatoria (cronica) che provoca difficoltà respiratorie, più o meno gravi, nei soggetti che ne soffrono. Sono numerose le cause che possono determinare l’infezione delle vie aeree (predisposizione genetica, allergeni, inquinamento, fumo…) e i trattamenti di cura sono per lo più a lunga durata. La malattia, infatti, tende a riacutizzarsi nel tempo a seguito di un evento o di un episodio specifico determinando il peggioramento del paziente e delle sue crisi asmatiche.

Secondo uno studio francese una delle cause che può aggravare i sintomi dell’asma è un’alimentazione ricca di insaccati.

La tesi dei ricercatori è che i nitriti, conservanti che si trovano in larga misura all’interno dei salumi, possono aggravare la situazione patologica negli asmatici infiammandone ulteriormente le vie respiratorie.

La ricerca condotta ha coinvolto per oltre 20 anni più di 2.000 pazienti asmatici raccogliendo informazioni su stili di vita, abutidini alimentari, indice di massa corporea (Bmi) e percorso della malattia. Dai dati analizzati è emerso che i soggetti golosi di insaccati, con un consumo superiore a 4 volte la settimana, presentavano un rischio maggiore del 76% di aggravare i propri sintomi respiratori al confronto con chi presentava un consumo minore. Tra gli altri fattori da evitare per scongiurare un peggioramento della malattia l’obesità e il sovrappeso, confermando, quindi, un particolare nesso tra dieta alimentare e asma.

Leggi la ricerca  Prevenire l'influenza con l'aiuto di Wikipedia

Come confermano i ricercatori: <<Si tratta di uno studio osservazionale che quindi non porta a una conclusione sicura sul rapporto causa-effetto della correlazione riscontrata. Tuttavia questa ricerca aggiunge un altro possibile effetto dell’elevato consumo di carne processata sulla salute, indicando un nuovo approccio nel considerare il ruolo del Bmi nell’associazione dieta-asma>>. Il consiglio, comunque, al di là della necessità di una conferma scientifica per lo studio francese, è sempre quello di seguire una dieta alimentare sana e corretta senza lasciarsi andare ad eccessi e squilibri nutrizionali.