Troppo ore di lavoro fanno male se possono provocare il diabete

Ok, il lavoro nobilita l’uomo, ed in fondo è anche fortunato chi può permettersene uno, ma a dire degli scienziati, il troppo lavoro può creare delle serie conseguenze per la nostra salute. La ricerca condotta presso l’University College di Londra, ha voluto verificare l’esistenza, o meno, di relazioni che legano l’eccesso lavorativo alle ripercussioni mentali e fisiche per il nostro organismo. In realtà la causa scatenante che potrebbe provocare un’insorgenza di patologie è da rinvenire nello stress lavorativo che accompagna ogni nostra esperienza di impiego.

Lo studio pubblicato sulla rivista The Lancet Diabetes and Endocrinology ha evidenziato come un rischio maggiore di sviluppare la malattia del diabete (di tipo 2) è nei soggetti che lavorano oltre le 55 ore settimanali, in una media di circa 8 ore al giorno per tutti i giorni, a differenza di coloro più “normali” che sono, invece, impiegati per circa 35/40 ore settimanali. Il rischio si attesta intorno al 30% in più, come conferma il dottor Mika Kivimaki che ha guidato il team inglese della ricerca, e le conclusioni di un nesso causa-effetto sono da intendersi al netto di qualsiasi altro fattore di vita condizionante, come può essere il consumo di alcol e fumo, l’età o la forma fisica. La variabile analizzata, quindi, è legata al solo monte ore settimanale di un lavoratore e non va a coinvolgere abitudini o comportementi di vita che possono, secondo i ricercatori, incrementare la percentuale di rischio di provocare una patologia di diabete 2.

  • Ricerca di: University College di Londra
  • Pubblicata su: The Lancet Diabetes and Endocrinology
  • Conclusione: Esiste un rischio maggiore di sviluppare la patologia del diabete 2 per chi lavora in eccesso
Leggi la ricerca  Troppe ore con i videogames favoriscono il rischio di alzheimer