Il rosmarino, un valido aiuto per la vostra memoria

Quante sono le scoperte scientifiche più interessanti che vengono fatte giornalmente nei vari laboratori di ricerca nel mondo? Davvero innumerevoli, ma la cosa, forse, più sorprendente, è che la maggior parte di esse giungono a conclusioni estremamente utili in grado migliorare con semplicità il nostro stato di salute fisico o mentale.

Una recente scoperta scientifica realizzata dalla Northumbria University, nel Regno Unito, riguarda le potenzialità benefiche del rosmarino, un’erba aromatica con la quale siamo soliti, la maggior parte delle volte, insaporire piatti e cibi in tavola. Ancora una volta, quindi, un aiuto concreto per la nostra salute arriva direttamente dalla tavola evitandoci l’utilizzo di medicinali o farmaci di turno.

Secondo lo studio inglese che ha coinvolto ben 150 persone, nella fascia d’età over 65, tra le peculiarità del rosmarino si registra un valido aiuto per le capacità di memoria delle persone più anziane. I partecipanti alla ricerca scientifica sono stati suddivisi in due gruppi e fatti accomodare in due stanze differenti. Solo in una delle due stanze sono stati diffusi degli oli essenziali aromatici, come quello del rosmarino appunto, per verificare l’effettiva proprietà benefica sulle performance cognitive degli individui.

I soggetti della ricerca sono stati successivamente sottoposti a dei test di memoria ed i risultati ottenuti, al confronto con il gruppo di controllo, hanno confermato che l’aroma del rosmarino è in grado di migliorare la memoria prospettica (insieme di ricordi legati ad azioni future da compiere) oltre che la lucidità delle persone più anziane.