La scienza svela come avere una memoria di ferro…

E forse non poteva capitare in momento migliore lo studio scientifico condotto dagli scienziati del Radboud University Medical Center di Nijmegen in Olanda e pubblicato sulla rivista Current Biology. Il nostro pensiero in questo momento va, infatti, a tutti gli studenti che in questo particolare periodo dell’anno, tra esami di maturità e sessioni universitarie, si troveranno ad affrontare delle sfide di memoria non facili da superare.

Ricordare la data di un evento, un luogo storico, ma anche solo un concetto, una definizione, risulta essere sempre problematico se oltre ad una memoria che fa i capricci contiamo anche lo stato di ansia ed agitazione che ci portiamo dietro.

Nessun problema, però, perchè almeno per quanto riguarda la nostra memoria possiamo cercare di renderla di ferro e di imprimere nei nostri ricordi tutte le nozioni e le informazioni che potranno servire.

Come? Semplicemente dedicandosi ad un pò di attività fisica dopo la giornata di studio trascorsa. La ricerca scientifica ha coinvolto 70 soggetti ai quali è stato richiesto di fare un pò di allenamento fisico dopo esser stati sottoposti ad una sessione di studio. I partecipanti alla ricerca sono stati suddivisi in tre gruppi distinti: il primo gruppo ha eseguito l’allenamento previsto con la cyclette immediatamente dopo l’attività di studio, il secondo gruppo ha atteso quattro ore prima di dedicarsi all’attività fisica, il terzo gruppo non ha eseguito alcun esercizio fisico.

Leggi la ricerca  Vuoti di memoria, ecco la spiegazione

Al termine della prova i ricercatori hanno testato le abilità di memoria dei partecipanti allo studio verificando che i soggetti del secondo gruppo, ovvero chi aveva atteso un intervallo di tempo tra le due sessioni, riusciva a ricordare meglio degli altri.

E questa condizione, inoltre, ha trovato un valido riscontro anche grazie alla risonanza magnetica che ha registrato proprio nel secondo gruppo un’attività maggiore nell’area dell’ippocampo, ovvero l’area dedicata all’apprendimento e alla memoria.

Da qui il suggerimento degli scienziati per avere una memoria di ferro: fare attività fisica dopo una giornata di studio aiuta a memorizzare al meglio i concetti appresi, è fondamentale, però, ricordare di rispettare un particolare intervallo di tempo tra il coinvolgimento dell’attività mentale e quella fisica.