Leggere a voce alta aiuta la memoria!

memorizzare

E ci auguriamo di far cosa gradita per tutti gli studenti universitari che sono con la testa sui libri a cercare di ricordare a mente concetti e nozioni. Provate a seguire il consiglio dei ricercatori dell’Università di Waterloo in Canada: se si legge ad alta voce sarà molto più facile ricordare!

Secondo uno studio scientifico condotto su 95 persone, per favorire la memoria (a lungo termine) basterebbe pronunciare le parole ad alta voce.

E’ il cosiddetto effetto di produzione che determina il beneficio per riuscire a memorizzare, ovvero pronunciare le parole e riascoltarle nello stesso momento.

La sperimentazione ha previsto per i partecipanti alla ricerca quattro differenti metodi di memorizzazione di un testo: la lettura solitaria (a mente), l’ascolto della lettura da un altro soggetto, l’ascolto di una registrazione della lettura con la propria voce, la lettura ad alta voce. Proprio l’ultima modalità ha definito i risultati migliori per quanto concerne i risultati di memoria e ricordo.

Come spiegano i ricercatori: <<Questo studio conferma che l’apprendimento e la memoria traggono beneficio dal coinvolgimento attivo>>. E ancora: <<Agli anziani viene solitamente consigliato di fare puzzle e parole crociate per rafforzare la memoria. Questo studio suggerisce che anche la produzione attiva migliori la memoria>>. Già in passato avevamo condiviso alcune consigli utili per avere una memoria di ferro, adesso, grazie agli scienziati canadesi, sveliamo un nuovo espediente per incrementare le nostre abilità.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 5 dicembre 2017 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.