A 7 mesi d’età i più piccoli imparano già a parlare

Sette mesi, ed iniziamo ad ascoltare i primi suoni, le prime “composizioni” di urla, rumori e significati. E’ ovvio che siamo ancora abbastanza lontani dagli anni delle prime espressioni e delle parole di senso compiuto (mediamente tra i due e i quattro anni), ma già in questa fase d’età i più piccoli iniziano ad apprendere un loro primo linguaggio verbale. Una recente ricerca di settore condotta presso la Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa) di Trieste ha voluto approfondire i meccanismi di comprensione che avvengono proprio durante i 7 mesi d’età dei bambini individuando uno schema e una strategia di apprendimento ben definita.

La ricerca scientifica pubblicata sulla rivista Child Development conferma che la comprensione delle parole nei bambini arriva sin da subito e che in questa particolare fascia d’età i bambini codificano sia il suono della parola che gli viene comunicata sia le sillabe, in posizione iniziale e finale, che la compongono. In questa prima fase, quindi, il bambino non riesce a memorizzare la parte centrale della parola riconoscendone, invece, gli estremi delle sillabe di cui è composta. L’apprendimento lessicale, quindi, inizia con la supremia delle sillabe estreme, utile al bambino per catalogare e memorizzare suoni e significati. Le successive fasi di crescita aiuteranno il neonato a memorizzare l’intera parola e a costruire un suo primo dizionario lessicale, ma la conferma scientifica che arriva dalla ricerca italiana è che durante i 7 mesi d’età, il bambino, pur intuendo a cosa o a chi ci stiamo rivolgendo, non può ancora comprendere le differenza di pronuncia, ed eventualmente di senso, tra le parole “sorella”, “sovella” o “sotella”.

  • Ricerca di: Scuola internazionale superiore di studi avanzati di Trieste
  • Pubblicata su: Child Development
  • Conclusione: I meccanismi di apprendimento linguistico iniziano già a 7 mesi d’età
Leggi la ricerca  Alcol in gravidanza? Assolutamente no!