No al troppo pesce in gravidanza per la salute del piccolo!

Tutti sappiamo che il pesce rappresenta uno degli alimenti più ricchi di nutrienti per la nostra crescita e per la nostra salute, un piatto, quindi, che non dovrebbe mai mancare all’interno della nostra dieta alimentare.

Attenzione, però, perchè secondo uno studio condotto presso l’Università di Creta tutti questi benefici non troverebbero una valida corrispondenza durante il periodo di gravidanza della madre: il pesce non fa bene al piccolo, conferma la ricerca pubblicata sulla rivista Jama Pediatrics, e un consumo eccessivo può associarsi ad un rischio maggiore di obesità infantile.

Analizzando un campione di oltre 26 mila donne in gravidanza e seguendo la crescita dei propri figli fino all’età di 6 anni, i ricercatori hanno provato ad individurare una relazione possibile tra consumo di pesce nelle donne incinte e peso eccessivo dei bambini.

Dai dati raccolti è possibile confermare un rischio di rapida crescita del bebè dalla nascita fino ai 2 anni e un pericolo di sovrappeso per i bimbi nella fascia d’età tra 4 e 6 anni. Ad una evidenza di consumo eccessivo di pesce (dove per consumo eccessivo intendiamo più di 3 volte a settimana) il 31% dei bambini è cresciuto più velocemente, il 19,4% risultava in sovrappeso o obeso a 4 anni e il 15,2% anche fino ai 6 anni. Per le donne abituate a mangiare pesce per più di 3 volte la settimana durante la gravidanza il neonato presentava un indice di massa corporea più alto rispetto alla media all’età di 2, 4 e 6 anni. Altro dato interessante della ricerca, una simile tendenza ha ritrovato un maggior riscontro nelle figlie femmine piuttosto che nei bimbi maschi.

E’ la contaminazione da inquinanti ambientali presenti nel pesce la causa, secondo i ricercatori, che porta a questo particolare scompenso anche se adesso bisognerà confrontare i dati ottenuti dallo studio con numerose altre variabili non ancora prese in considerazione dagli scienziati (esempio, i metodi di cottura del pesce o la provenienza dell’alimento).