Perchè il latte materno è migliore del latte artificiale?

Se anche la risposta alla nostra domanda può risultare del tutto banale o scontata, la scelta di una mamma di andare ad allattare il proprio bambino al seno, piuttosto che preferire i sostituti del latte artificiale sembra essere diventata negli ultimi anni meno automatica.

Perchè? Secondo alcuni ricercatori la colpa di questo decisivo cambiamento di rotta risiede principalmente nel potere della pubblicità (ingannevole) e in una non corretta gestione delle informazioni che può creare confusione nella decisione da prendere.

Uno studio scientifico condotto presso l’Università di Chapel Hill e publicato sulla rivista Birth, ha voluto approfondire le influenze dei messaggi mediatici sulle scelte delle madri andando ad analizzare il comportamento di alcuni gruppi di donne incinta.

Dalla ricerca sono emerse effettivamente delle profonde influenze tra madri e madri, derivanti, soprattutto, da un atteggiamento di osservazione ed omologazione. I ricercatori, invece, confermano la necessità per una madre di allattare il proprio figlio al seno, sottolineando l’importanza del processo di allattamento come strumento unico di difesa per l’organismo del neonato: il latte materno aiuta, infatti, il bebè nella prevenzione di neoplasie o di problemi cardiaci, favorendo, inoltre, la formazione della sua flora batterica.

Leggi la ricerca  A 7 mesi d'età i più piccoli imparano già a parlare

L’uso del latte artificiale, invece, che sia latte vaccino o proveniente da altra natura, secondo gli studiosi, può essere giustificato, ad esempio, nei casi un cui una madre è soggetta ad alcune infezioni batteriche, più o meno gravi, che a contatto con il piccolo potrebbero pregiudicarne lo stato di salute.