Come smettere di fumare annusando del pesce marcio…

Ok, se state ricercando un modo originale per poter smettere di fumare, forse, è arrivato il vostro momento.

Avete provato in passato con i cerotti ma nulla, avete tentato con i libri motivazionali e niente, adesso state tentando la via della sigaretta elettronica ma, ad oggi, non ne vedete ancora i vantaggi? Ecco la soluzione, forse, più giusta per voi: la risposta al vostro bisogno di voler chiudere con le bionde è nelle potenzialità del vostro olfatto.

La conferma arriva da uno studio del Weizmann Institute of Science di Israele, i cui ricercatori sono concordi nell’affermare che annusare del pesce marcio possa aiutare a smettere di fumare.

Lo studio pubblicato sulla rivista Journal of Neuroscience riprende una sperimentazione condotta su più di 60 persone con la volontà di eliminare il vizio da fumo.

L’obiettivo dei ricercatori era definire una possibile associazione mentale tra l’odore nauseabondo del pesce marcio e le sigarette stesse, in modo da stimolare nelle persone un riflesso condizionato di tipo pavloviano basato sull’apprendimento subliminale.

Gli scienziati hanno provato questo approccio nella fase di sonno, durante la quale ad un campione dei partecipanti è stato fatto annusare del pesce marcio, intervallandone la somministrazione olfattiva con l’odore della sigaretta, nell’intento, quindi, di creare la possibile associazione tra i due odori.

I risultati della ricerca hanno confermato che, nel campione sottoposto alla successione continua e rapida di entrambi gli odori il numero di sigarette fumate è stato ridotto, conferma, quindi, di un’effettiva relazione indotta dagli scienziati tra la nausea provocata dalla puzza di pesce e l’odore delle sigarette. Tutti gli altri partecipanti alla ricerca, invece, non hanno ottenuto alcun beneficio dalla sperimentazione e hanno mantenuto costante il numero di sigarette fumate giornalmente.