Il testosterone nemico dell’uomo?

Abbiamo atteso un pò per pubblicare gli esiti di questo studio e forse solo per un pò di invidia maschile nei confronti del gentil sesso: per la ricerca, infatti, gli uomini sono meno resistenti delle donne soprattutto per ciò che concerne infezioni o sintomi influenzali.

La ricerca scientifica pubblicata sulla rivista PNAS è stata condotta dai ricercatori della Stanford University e della University of North Carolina che hanno potuto individuare nel testosterone il colpevole delle “debolezza” maschile.

Lo studio scientifico ha interessato l’analisi del sistema immunitario di uomini e donne ai quali è stato somministrato un vaccino anti-influenzale per verificare la risposta dell’organismo: più della metà delle donne ha risposto positivamente al vaccino, al pari solo di un terzo degli uomini coinvolti nella ricerca.

Lo studio ha evidenziato come tutti i maschi in cui i livelli di testosterone risultavano elevati non rispondevano bene al trattamento. La risposta immunitaria, quindi, differiva proprio a causa dei livelli di ormone presenti negli individui, anche se, secondo i ricercatori, alti livelli di testosterone invalidano la resistenza alle malattie infettive, ma determinano anche guarigioni più rapide in caso di ferite o lesioni.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 9 gennaio 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.