pigrizia contagiosa

Attenti alla pigrizia: è un male contagioso!

Alla larga dalle persone pigre. I ricercatori francesi lanciano l’allarme condividendo i risultati di uno studio condotto presso il Brain and Spine Institute: la pigrizia si può trasmettere e può contagiarci al pari di una qualsiasi altra malattia.

E non soltanto la pigrizia. La ricerca scientifica, pubblicata sulla rivista PLOS Computational Biology, ha coinvolto più di 50 individui ai quali è stato richiesto di svolgere alcuni compiti effettuando una scelta tra tre differenti alternative: pigrizia, impazienza e prudenza. La scelta da realizzare doveva essere effettuata, però, in due momenti differenti: prima e dopo aver conosciuto le decisioni prese da un’altra persona nel medesimo test.

Obiettivo dello studio era verificare la possibilità che atteggiamenti soggettivi come la pigrizia, l’impazienza o la prudenza potessero essere trasmessi da individuo in individuo. Tutti i partecipanti alla ricerca hanno effettuato le proprie scelte; successivamente su richiesta dei ricercatori i soggetti hanno cercato di indovinare le decisioni prese da un’altra persona (rivelatasi poi un computer). Risultato del primo esperimento? Gli individui tendono ad attribuire agli altri la loro stessa decisione.

Leggi la ricerca  Nessun anestetico, ecco cosa dare ai bambini prima di un'operazione...

Nel secondo esperimento quando è stato richiesto di ripetere la selezione, questa volta conoscendo già le scelte prese dagli altri, i partecipanti hanno modificato la propria decisione dimostrando, quindi, un particolare grado di condizionamento.

La ricerca condotta ha riportato l’attenzione dei ricercatori verso due fondamentali dinamiche sociali ampiamente condivise, quella del falso consenso e quella dell’influenza. Il falso consenso è la tendenza di un individuo a proiettare sugli altri il proprio modo di pensare (ovvero attribuendo agli altri la medesima scelta fatta); l’influenza sociale, invece, configura la possibilità che, in un particolare momento di incertezza su una decisione da prendere, un soggetto tende ad assumere l’atteggiamento altrui come riferimento principale per capire come comportarsi.