La ketamina può guarire dalla depressione

Anestetico dissociativo così viene indicata la ketamina, anestetico per uso veterinario, capace di causare forti dissociazioni pischiche. Non è forse un caso, quindi, che un largo consumo è legato ai più giovani e all’utilizzo della ketamina come sostanza supefacente. Nonostante possa determinare degli effetti devastanti per il cervello umano, infatti, la ketamina è molto diffusa come droga tra i più giovani per le forti allucinazioni visivo-auditive che è in grado di generare nella mente di chi ne fa uso. I ricercatori inglesi dell’Oxford Health NHS Foundation Trust sotto la guida del dottor Rupert McShane, consapevoli degli effetti prodotti dalla ketamina, hanno provato a somministrarne delle piccole dosi in persone colpite dalla depressione e non in grado di rispondere in maniera positiva alle terapie utilizzate.

L’infuso di ketamina prodotto dai ricercatori per curare i pazienti ha, però, registrato degli effetti benefici ed i risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Psychopharmacology: già a partire dal terzo giorno successivo al trattamento, il 30% dei pazienti, ha avuto degli effetti benefici continuativi, prorogati, a seconda della risposta del paziente, dalle quattro settimane fino ad otto mesi successivi all’infusione. Alcuni pazienti sono ovviamente ricaduti nella depressione, ma una parte di essi, anche se la più piccola, con piccole somministrazioni di ketamina ha realizzato dei cambiamenti psichici notevoli in grado di contrastare i gravi stati depressivi che li condizionavano da diversi anni.

  • Ricerca di: Oxford Health NHS Foundation Trust
  • Pubblicata su: Journal of Psychopharmacology
  • Conclusione: Piccole dosi di ketamina possono aiutare a guarire dalla depressione

Post Correlati

Articolo pubblicato il 4 aprile 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.