L’amore vero tra moglie e marito è eterno!

“Finchè morti non ci separi” si dirà in Chiesa di fronte al proprio parroco e ad amici e parenti presenti alla cerimonia, in realtà, però, il legame che unisce moglie e marito va al di là della semplice vita terrena.

Secondo una ricerca scientifica pubblicata rencentemente sulla rivista Psychological Science quel sentimento (vero) che lega i coniugi l’uno all’altro continuerà ad esser vivo anche dopo la morte di uno dei due. Come spiega la ricercatrice Kyle Bourassa della University of Arizona, tra gli autori dello studio: “Le persone che ci sono state vicino nel corso della nostra vita continuano a influenzare la nostra qualità della vita anche dopo la loro morte. Abbiamo scoperto che la qualità della vita di un vedovo o di una vedova risente dell’influenza del coniuge deceduto proprio come se questi fosse ancora in vita”.

E’ quel legame che condiziona la qualità della vita di entrambi i partner, sia da un punto di vista fisico che mentale, e che consente al coniuge vivo di mantenere quello stesso stato di benessere percepito in vita anche dopo la morte di uno dei due, indipendentemente dall’età, dallo stato di salute e dagli anni di matrimonio vissuti.

Leggi la ricerca  L'identikit di un uomo lo scrive la barba

La ricerca ha preso in considerazione più di 2500 coppie, con partner entrambi in vita, e più di 500 coppie in cui uno dei due coniugi era deceduto: l’analisi ha evidenziato la presenza di un legame forte che si mantiene vivo anche dopo la “separazione” dei partner e che risulta perfettamente compatibile a quello riconosciuto nelle coppie in vita. Che sia amore vero o solo semplice condizionamento non è dato da sapere, quello che, però, risulta evidente dalla ricerca condotta, è che esiste una sincronia naturale che lega i partner e che viene percepita con la medesima intensità sia prima che dopo la morte.