Si litiga di più se a corto di zuccheri

Quanto è importante la presenza di zucchero nell’organismo per il benessere di una coppia? Uno stravagante studio condotto dal dottor Brad Bushman della Ohio State University, in collaborazione con altre università americane, ha voluto dimostrare come il livello di glucosio nel sangue possa influenzare l’umore e in particolare la tolleranza nei confronti del partner. La ricerca scientifica condotta su più di 100 coppie sposate è durata per tre anni ed i risultati ottenuti sono stati pubblicati sulla rivista di settore PNAS. Le conclusioni dello studio? In astinenza da zucchero sembra comparire nell’individuo un’aggressività d’umore capace di creare una sensazione di fastidio reciproco e portare ad un vero e proprio scontro della coppia.

Per lo studio a ciascun partecipante è stata affidata una bambola come simbolo del proprio partner, chiedendo a tutti di andare ad infilare nel pupazzo ogni sera, in modalità wodoo, da 1 a 51 spilloni in riferimento allo stato di rabbia o agitazione patito nei confronti del proprio compagno. L’esperimento ha confermato che il numero di spilloni conficcati nella bambola-partner aumentava proprio in rapporto alla diminuzione di glucosio ed indipendentemente dalla felicità e dalla serenità percepita dalla coppia. Secondo lo studio, quindi, è la fame a determinare uno stato incontrollabile di rabbia ed aggressività, coniato con il termine hangry, dalla combinazione delle parole hungry ed angry, (fame più rabbia), capace di aumentare la voglia di litigare in coppia e, di contro, dopo aver mangiato, di riportare la pace.

  • Ricerca di: Ohio State University
  • Pubblicata su: PNAS
  • Conclusione: Bassi livelli di glucosio nel sangue aumentano la rabbia e l’aggressività

Post Correlati

Articolo pubblicato il 15 aprile 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.