Abbandonare gli studi fa male alla salute

Ma quale potrebbe essere il nesso che collega la nostra vita di studenti al nostro stato di salute? Secondo una ricerca condotta dall’Università del Colorado e pubblicata sulla rivista Plos One portare a termine gli studi potrebbe garantire degli ottimi benefici di salute e, di contro, lasciar perdere con la carriera scolastica, invece, potrebbe mettere a rischio, in futuro, la nostra condizione fisica.

Una conseguenza è la maggiore esposizione alle malattie, questa una le conclusioni dello studio realizzato in Colorado e che ha analizzato i dati storici della popolazione americana per calcolare l’impatto del grado di istruzione sulla salute degli individui. Sono 145mila i morti in più dal 1925 ad oggi che, secondo la ricerca, si sarebbero potuti evitare garantendo a tutti una continuità scolastica. La teoria degli studiosi è che, senza un grado di istruzione adeguato, un individuo presenta una minore capacità di affrontare i propri problemi di salute, oltre che una condizione abitativa e di lavoro di estrema sufficienza. Una peggiore condizione di vita, infatti, influisce sul sistema imminutario del soggetto oltre che sulla sua salute cardiovascolare. Titoli di studio più elevati, invece, sono collegati a qualifiche professionali più importanti, a retribuzioni più consistenti, a maggiori possibilità di accesso alle assicurazioni sulla salute oltre che ad abitudini quotidiane più sane e prospere. Secondo i ricercatori, quindi, delle adeguate politiche di adesione scolastica potrebbero, nel tempo, aiutare a migliorare la salute della popolazione e ridurre, di conseguenza, il tasso di mortalità in America.

  • Ricerca di: Università del Colorado
  • Pubblicata su: Plos One
  • Conclusione: Il grado di istruzione influenza la condizione di salute del soggetto
Leggi la ricerca  Troppo esercizio fisico può uccidere!