Camminare fa bene ma solo se si mantiene una certa andatura….

passeggiata veloce

Sappiamo tutti quanto possa far bene una piacevole passeggiata: avere la costanza di fare un pò di attività giornaliera, ma senza particolari sforzi, fa bene al nostro organismo, fa bene al cuore, alla nostra forma fisica e riduce gli stati di stress e tensione.

Se, però, pensiamo che basterebbe passeggiare tranquillamente per poter beneficiare di innumerevoli vantaggi di salute, in realtà ci sbagliamo.

Secondo gli esperti camminare fa bene alla salute solo se si mantiene una particolare cadenza.

Quale? Gli scienziati parlano di 100 passi al minuto, e non di meno. E’ questa andatura, che ci appare più sostenuta del normale, a garantirci i benefici di salute.

Per giungere a questa conclusione, poi pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, i ricercatori hanno esaminato diverse ricerche di settore realizzate su uomini e donne di età superiore ai 18 anni e con indici di massa corporea differenti. La passeggiata della salute non deve tradursi in una corsa ma deve superare i 100 passi al minuto, calcolando che il jogging, che prevede una camminata molto più vigorosa, ne produce 140 al minuto.

<<Questo è un numero che è molto facile per ognuno di noi misurare da solo. Non hai bisogno di attrezzature o competenze speciali>> confermano gli esperti. Anche se per farci aiutare potremmo farci aiutare da un contapassi che ci accompagna nella nostra camminata e ci indica lo sforzo impiegato.

La media richiesta dagli esperti per poter godere di particolari benefici di salute è di circa 2 passi al secondo, e di certo non ci sembra un traguardo impossibile da raggiungere!

Post Correlati