trasporto degli inquinanti atmosferici

Inquinamento, qual è l’impatto delle emissioni sui contesti locali?

Sappiamo tutti che l’inquinamento è tra le principali cause di numerosi problemi di salute. Quello che i ricercatori, però, non avevano ancora mai preso in considerazione era quale fosse il reale impatto dell’inquinamento globale sul territorio locale.

Qual è il peso del trasporto atmosferico degli inquinanti? O ancora, per dirla in parole più semplici: quanto danno può arrecare alla salute di un cittadino europeo l’inquinamento prodotto, ad esempio, dalle industrie cinesi?

Un lavoro di ricerca realizzato dagli scienziati dell’University of East Anglia e pubblicato sulla rivista Nature ha analizzato il fattore di mortalità prematura collegata all’inquinamento da polveri sottili e provenienti proprio dal trasporto atmosferico.

Secondo i dati rinvenuti dallo studio che ha interessato ben 228 nazioni, su un totale di 3,45 milioni di morti premature, per cause principalmente di problemi cardiaci, ictus o cancro ai polmoni, il 12% sono conseguenti ad inquinanti emessi da una regione diversa e per il 22% sono associate a beni o servizi prodotti in una data regione ma consumati in un’altra. E a guidare questa particolare classifica di demerito, come anche prevedibile, la Cina.

Leggi la ricerca  L'inquinamento è causa di danni alle strutture cerebrali

Come spiegano anche i ricercatori: <<I risultati del nostro studio mostrano che gli impatti sanitari interregionali associati all’inquinamento da polveri sottili sono dovuti più all’effetto del commercio internazionale che al risultato di trasporto atmosferico degli inquinanti su lunghe distanze>>. Per porre rimedio alle problematiche di salute relative all’emissione di inquinanti, non basterebbe, quindi, considerare solo la questione del trasferimento (naturale) delle polveri sottili da una zona dell’altra del mondo, ma bisognerebbe anche valutare quali sono le conseguenze legate alle regole di un commercio internazionale di beni che mette in relazione Paesi produttori e Paesi consumatori.