La ricerca della felicità? Ecco cos’è e dove trovarla

Qualcuno ricorda il film “La ricerca della felicità”? Beh, sembra quasi che un gruppo di ricercatori e di scienziati alla fine l’abbiano trovata la felicità, abbia intuito cosa sia e che si nasconde dietro ad una particolare “gratificazione” cellulare.

La ricerca scientifica condotta dalla dottoressa Barbara Fredrickson, docente di psicologia al College of Arts and Sciences della University of North Carolina, e pubblicata su Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America), ha dimostrato come la felicità è una mera questione cellulare.

Esisterebbero, innanzitutto, due tipi di felicità differente secondo i ricercatori (felicità eudemonica e felicità edonica) e ciascuna produrrebbe un effetto diverso sulla salute delle nostre cellule.

Leggi la ricerca  Moglie contenta se il marito fa la colf

La differenza risiederebbe nel “nobile scopo” che procura grossi benefici a differenza di una felicità scaturita, ad esempio, da una semplice auto-gratificazione. E dunque, il senso di benessere che deriva da un “nobile scopo” potrebbe procurare benefici alla nostra salute cellulare e fisica, mentre una semplice “auto-gratificazione” potrebbe avere alla lunga anche degli effetti negativi.

Dalla ricerca è emerso, inoltre, che il benessere legato a un nobile scopo, è differente da quello puramente edonistico perché associabile a una significativa riduzione del profilo dell’espressione del gene Ctra, correlato all’insorgere di stress nell’individuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *