La sedentarietà è una malattia pericolosa!

vita sedentaria

Ci preoccupiamo spesso di limitare il consumo di alcolici, di grassi o di evitare l’uso delle sigarette, ma non ci rendiamo conto della pericolosità di condurre una vita del tutto sedentaria.

La vita sedentaria potrebbe avere anche i suoi benefici in termini di relax, ma quanto può essere controproducente per il nostro stato di salute o il nostro stato di forma? E questa considerazione vale per tutti: grandi e piccoli!

Non ce ne rendiamo conto fin quando uno studio di ricerca non accende i riflettori sul tema e conferma che la sedentarietà è una vera e propria malattia e che va affrontata come tale.

E’ questa la tesi conclusiva che è emersa da un lavoro di ricerca pubblicato sulla rivista JAMA Network Open: la sedentarietà può essere elencata tra le principali concause di morte ed è tanto più pericolosa di altri fattori più noti a tutti come il fumo, il diabete o l’ipertensione.

Per giungere a questa conclusione gli scienziati della Cleveland Clinic negli Stati Uniti hanno analizzato i casi di più di 120.000 pazienti sottoposti a prove di sforzo e di esercizio fisico uguali per tutti e collegando la loro personale preparazione atletica ai rischi di mortalità.

I risultati ottenuti dai test dimostrano che le persone più allenate hanno un livello più basso di mortalità e che questa condizione vale in misura maggiore per le donne.

Chi non ha superato i test fisici presenta un rischio doppio di problemi ai reni e, comparando i dati dei test dei pazienti sedentari con i pazienti più atletici, i primi presentano un rischio di morte del 500% più elevato. Anche rispetto ai fumatori i sedentari hanno un rischio di insorgenza di malattia cardiaca tre volte più alto.

Non il fumo, non il diabete e non l’ipertensione, quindi. Chi non è abituato a fare attività fisica si può ritenere “malato” e presenta un rischio di morte tanto più elevato rispetto ad altri individui molto più attivi.

Questo tipo di malattia, però, fortunatamente ha una cura specifica che può aiutarci a tutelare la nostra salute: è l’esercizio fisico che deve essere parte della nostra quotidianità. <<Siamo nati per camminare, correre e fare esercizi. Bisogna solo alzarsi e muoversi>>, è proprio questa la raccomandazione degli esperti.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 25 ottobre 2018 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.