La vita in campagna fa bene alle donne!

“Voglio andare a vivere in campagna” cantava Toto Cotugno in un Festival di Sanremo di qualche anno fa, presentando alla kermesse musicale una canzone che lamentava le problematiche della vita cittadina ed elogiava i piacere e il benessere della vita rurale.

Ed effettivamente sembra quasi che vivere in campagna fa bene (ma noi ve lo avevamo già detto), specialmente alle donne, consentendole di vivere più a lungo. La ricerca scientifica condotta presso la Chan School of Public Health di Harvard ha confermato che le donne americane che vivono a stretto contatto con la natura presentano un tasso di mortalità inferiore del 12% rispetto alle colleghe di città.

Lo studio ha coinvolto più di 100 mila donne negli anni dal 2000 al 2008 evidenziando una minore incidenza di malattie respiratorie e anche di problematiche più gravi come cancro o tumore. A determinare questi risultati due fattori su tutto: una minore esposizione all’inquinamento e una maggiore attività fisica.

A beneficiare della vita di campagna sarebbe soprattutto la salute mentale delle donne, con una tasso di depressione che si attesta a livelli molto più bassi rispetto ai centri cittadini, un buon stato di salute mentale, quindi, che va a condizionare e non poco anche il benessere fisico della persona. Tra le altre variabili da prendere in considerazione e che favoriscono la longevità delle donne: un ridotto inquinamento acustico e le maggiori opportunità di impegno sociale.